L'archivio della comunità

L'Archivio storico comunale è il risultato della raccolta e conservazione della documentazione prodotta e ricevuta nei secoli dal Comune nello svolgimento della propria attività amministrativa.

I dati storici ci raccontano che il Comune di Cervia nasce alla fine del XII secolo, ma i rivolgimenti della storia e i passaggi della nostra comunità da una dominante all'altra (si comincia con Ravenna nel XIII secolo per concludere con lo Stato pontificio nel XVI secolo passando per Bologna, Cesena e Venezia ) hanno fatto sì che sia andata dispersa la parte più antica delle pergamene e carte cittadine.

Oggi l'Archivio storico comunale conserva documenti a partire dal XVI secolo per arrivare agli atti precedenti gli ultimi quaranta anni, come stabilisce la normativa italiana in materia di beni culturali.

 

Quando si parla di un archivio come bene culturale, ci si riferisce a un complesso di documenti legati fra loro da relazioni di natura diversa che ne arricchiscono e completano il valore informativo. Non si tratta necessariamente di atti redatti su carta ma ci si trova di fronte anche a pergamene, registri, opuscoli, fotografie, disegni, nastri magnetici o quant'altro sia stato raccolto e organizzato da un ufficio o da una persona ai fini di testimoniare la propria attività a breve o lungo termine.

Poiché l'attività svolta da un Comune riguarda in buona sostanza la vita di tutti coloro che più o meno stabilmente risiedono nel suo territorio, è chiaro come l'archivio di un Comune racconti anche molti aspetti della storia della comunità che vive quel territorio e che attraverso questa istituzione esprime le proprie scelte e la propria cultura.

 

Il servizio di consultazione

Dal luglio 2006 è attivo presso la sede municipale il Servizio per la consultazione e la promozione dell’Archivio storico comunale.

Negli orari di apertura al pubblico il servizio offre assistenza alle ricerche sulla documentazione dell’Archivio storico del comune e sugli altri archivi conservati presso l’istituto o informazioni relative ad altri archivi del territorio.

Il servizio di informazione è accessibile anche per via telefonica (0544 979308) e via e-mail all’indirizzo archiviostorico@comunecervia.it.

L’accesso al servizio è libero, gratuito e viene effettuato in seguito alla presentazione di una domanda in carta semplice in cui va specificato l’oggetto della ricerca.

 

In linea di principio la documentazione conservata presso l’Archivio storico è liberamente consultabile. Sono previste eccezioni per i documenti contenenti dati di carattere riservato o dati sensibili - cioè idonei a rivelare lo stato di salute, la vita sessuale o rapporti riservati di tipo familiare - che diventano consultabili solo dopo 70 anni dalla conclusione del procedimento amministrativo a cui fanno riferimento (Codice dei beni culturali art. 122). Altre limitazioni possono essere poste a discrezione del servizio su materiali per i quali si riscontrino problemi di conservazione.

 

Fatte salve queste esigenze di tutela, è possibile la riproduzione mediante fotocopiatura o scanner (a cura del servizio) o mediante fotocamera (a cura degli utenti).

Per la fotocopiatura è previsto il pagamento del diritto di copia (per i fogli formato A4 € 0,20 e per il formato A3 € 0,30).

 

Contatti

Piazza Garibaldi n. 1 - 1° piano

0544.97.93.08

Responsabile

Dott.ssa Milanesi Gaia

0544.97.92.53

Orari di ricevimento:

Martedì 08:30 - 13:00 e 14:30 - 17:00
Mercoledì 08:30 - 13:00

Utilizzando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Leggi tutto...