Variazione di indirizzo all'interno del Comune di un'Intera famiglia, Procedimento

Ufficio di riferimento

L'ufficio di competenza è Ufficio Anagrafe

Via A. Ressi, 6 - Piano terra

0544.97.92.47 - 0544.97.92.10

demografici@comunecervia.it

Scopo

E' lo spostamento della dimora abituale all'interno del Comune di un'intera famiglia già residente.

Si precisa che una famiglia anagrafica può essere composta anche da una sola persona.

Descrizione

I cittadini residenti sono tenuti a comunicare i cambiamenti di abitazione entro 20 giorni dall'avvenuta variazione che ha comportato lo spostamento della loro dimora abituale ad altro indirizzo del territorio Comunale; l'obbligo della comunicazione del cambio di abitazione sussiste anche quando il cittadino trasferisce la sua residenza ad altro interno nell'ambito del medesimo edificio.

 

Il cambio di indirizzo può avvenire con trasferimento in alloggio libero o con sistemazione in alloggio occupato da altra famiglia con la quale non si hanno vincoli di parentela, affinità o affettività.

 

La dichiarazione deve essere resa da un componente maggiorenne della famiglia, presentando un valido documento di riconoscimento e indicando l'esatto indirizzo della nuova abitazione.

I cittadini dovranno rendere le dichiarazioni utilizzando ESCLUSIVAMENTE i moduli conformi a quelli predisposti dal Ministero dell'Interno, disponibili in questa pagina, prestando particolare attenzione alle parti indicate come obbligatorie. In applicazione a quanto previsto dall'art. 5 del DL. 47/2014 convertito nella Legge 23 maggio 2014 n. 80, è obbligatoria la compilazione dell'ALLEGATO 1 contenuto all'interno del modulo ministeriale (parte relativa al titolo in base al quale si occupa l'alloggio), pena irricevibilità della pratica.

Il richiedente deve compilare il modulo per sé e per le persone che insieme a lui variano la residenza e  sulle quali esercita la potestà o la tutela . Il modulo deve essere altresì sottoscritto dalle persone maggiorenni che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente o in alternativa, presentare formale procura.

Dal 9 maggio 2012 i cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagrafiche non solo presentandosi all'Ufficio Anagrafe - Via Ressi n. 6 - ma anche nei seguenti modi:

- tramite posta ordinaria all'indirizzo: Ufficio Anagrafe - Via A.Ressi, 6 - 48015 Cervia;
- tramite fax al nr. 0544.71947;
- tramite posta elettronica demografici@comunecervia.it;
- tramite posta elettronica certificata comune.cervia@legalmail.it.

L'invio con posta elettronica, ordinaria o certificata, è consentito ad una delle seguenti condizioni:

a) che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;

b) che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della carta d'identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;

c) che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del richiedente.

d) che la copia della dichiarazione recante la firma autografa del richiedente unitamente alla copia del documento di identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice.

 

L'ufficio anagrafe, al momento del ricevimento della domanda, rilascia o invia al cittadino:
a) comunicazione dell'avvio del procedimento con tutte le informazioni
b) ricevute per patente/libretti per dimostrare la regolarità dei documenti MTCM

 

L'iscrizione all'anagrafe  avviene entro due giorni lavorativi dalla presentazione dell'istanza. Lo svolgimento del procedimento, che si deve concludere entro 45 giorni, prevede la verifica di tutte le dichiarazioni e in particolare del requisito dell'effettiva dimora abituale presso l'abitazione indicata, attraverso accertamenti svolti dalla Polizia Municipale.

 

Nel caso di esito positivo del procedimento, la Pubblica Amministrazione applica il silenzio assenso così come disposto dall'art. 20 della L.241/90.

 

In caso di accertamento negativo l'ufficio Anagrafe provvederà a comunicare un "preavviso di rigetto" dell'istanza, ai sensi dell'art. 10 bis della L.241/90. L'interessato avrà 10 giorni di tempo dal ricevimento per presentare memorie o osservazioni. La comunicazione del preavviso di rigetto interromperà i termini del procedimento che iniziano nuovamente a decorrere dalla data di presentazione delle osservazioni per ultriori 45 giorni o, in mancanza, dalla scadenza del termine di 10 giorni di cui sopra.
In caso di mancato accoglimento della richiesta di variazione, il Comune provvederà ad avvisare l'interessato, a ripristinare la posizione anagrafica precedente  annullando la variazione e a denunciare il dichiarante all'autorità di Pubblica sicurezza.

 

L'ufficiale d'anagrafe può effettuare successivi accertamenti di abituale dimora, al fine di attivare l'eventuale procedimento di irreperibilità.

 

L'Ufficio Anagrafe trasmette periodicamente alla Questura i dati relativi alle iscrizioni e alle variazioni di residenza dei cittadini extracomunitari. 

Attivazione

  • Istanza di parte

Altri servizi dell'ente coinvolti

  • Certificazioni, Formazione, Innovazione
  • Polizia Commerciale, Ambientale, Edilizia

Altri enti esterni coinvolti

nessuno

Documenti necessari

  • In applicazione a quanto previsto dall'art. 5 del DL. 47/2014 convertito nella Legge 23 maggio 2014 n. 80, è obbligatoria la compilazione dell'ALLEGATO 1 contenuto all'interno del modulo ministeriale (parte relativa al titolo in base al quale si occupa l'alloggio), pena irricevibilità della pratica. Pertanto i cittadini che si presentano direttamente allo sportello devono essere in possesso di tali dati.
    Per facilitare i cittadini si riporta una tabella esemplificativa: tabella allegati obbligatori in merito all'occupazione dell'alloggio

 

  • documento di riconoscimento in corso di validità
  • dati del codice fiscale (di tutti i richiedenti)
  • I cittadini extraUe devono presentare il permesso di soggiorno in corso di validità o la documentazione relativa alla richiesta di rinnovo, di tutti i richiedenti (si rammenta che ogni cittadino extracomunitario che abbia compiuto i 14 anni NON PUÒ più essere legittimamente presente sul permesso dei genitori, e deve possedere un proprio permesso di soggiorno) 
  • indirizzo dell'alloggio presso il quale si richiede la residenza (numero civico, piano, scala, interno). In assenza del numero civico non sarà possibile ricevere la pratica di residenza.
  • Per agevolare l’ aggiornamento dei dati d’interesse del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, si consiglia di allegare alla pratica copia delle patenti e dei libretti di circolazione dei mezzi intestati a tutti i componenti della famiglia interessati al cambio di residenza
  • Eventuale procura speciale sottoscritta da persona maggiorenne che non puo’ essere presente all’atto della domanda di iscrizione, correlata di documento d’identità personale.
  • Eventuale richiesta di nuovo nucleo familiare (in assenza di parentela, affinità, affettività. con la famiglia già residente).

 

 

 

In caso di ingresso in abitazioni gestite dall'ACER o dai Servizi Sociali è necessario essere in possesso della relativa autorizzazione rilasciata dall'Ente.

Requisiti

Abitare effettivamente all'indirizzo dichiarato nel Comune di Cervia.

Luogo presso il quale consegnare la domanda a mano

  • Ufficio Anagrafe

Modalità alternative per la consegna

  • Posta ordinaria

Fax: 0544/71947

Termine di presentazione della domanda

Nel termine di 20 giorni dal trasferimento.

Termine del procedimento o della procedura a rilevanza esterna

La variazione avverrà entro due giorni lavorativi dal ricevimento della dichiarazione di residenza all'Ufficio Anagrafe.

La norma prevede che gli accertamenti sulle dichiarazioni siano svolti entro 45 giorni, decorsi i quali, qualora non vengano comunicati all'interessato gli eventuali requisiti mancanti o gli esiti negativi degli accertamenti svolti, si conclude definitivamente il procedimento (c.d. silenzio - assenso).

Costi a carico dell'utente

nessuno

Normativa di riferimento

Legge 24 dicembre 1954 n. 1228 
D.P.R. 223 del 30/05/1989

L. 241 del 07/08/1990
D.L. n. 5 del 9/2/2012

Circolare del Ministero dell'Interno - Dipartimento per gli affari interni e territoriali n. 9/2012

Art. 5 del DL. 47/2014 convertito nella Legge 23 maggio 2014 n. 80

Informazioni utili

In applicazione a quanto previsto dall'art. 5 del DL. 47/2014 convertito nella Legge 23 maggio 2014 n. 80, è obbligatoria la compilazione dell'ALLEGATO 1 contenuto all'interno del modulo ministeriale (parte relativa al titolo in base al quale si occupa l'alloggio), pena irricevibilità della pratica.

 

In caso di alloggio già occupato da latra famiglia è possibile costituire nucleo distinto, sottoscrivendo l'apposita richiesta. (vedi documenti necessari).

La dichiarazione resa sull'esistenza o meno dei vincoli affettivi non può essere soggetta a continui ripensamenti.

 

Le badanti con contratto in regime di convivenza costituiranno un nucleo famigliare distinto.

 

In caso di ingresso in una convivenza (case di riposo, convitto, caserma, ecc.) è il capo convivenza (non il diretto interessato) che effettua la richiesta di iscrizione anagrafica.

 

 

Gli effetti giuridici dell'iscrizione decorrono dalla data di presentazione della stessa.

 

Il cambio di residenza non comporta la necessità di aggiornare la Carta di identità, che resta valida comunque fino alla sua naturale scadenza.

 

Gli aggiornamenti dell'indirizzo sulle patenti di guida sui libretti di circolazione dei veicoli a seguito di trasferimento della residenza o il cambiamento di abitazione, avvengono d'ufficio a cura della Pubblica Amministrazione che rilascia una ricevuta provvisoria da conservare con la patente di guida e con il libretto di circolazione fino all'aggiornamento definitivo.
Entro 180 giorni dalla dichiarazione resa all'Ufficiale d'Anagrafe, il cittadino riceverà alla propria residenza un tagliando che sostituirà quello provvisorio e che dovrà essere apposto sui documenti da aggiornare.

Se entro 180 giorni l'interessato non riceve il tagliando, si potrà rivolgere al numero verde della Motorizzazione Civile: 800-23 23 23; gli operatori sono disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 8,30 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 17,30.

 

L'Uffcio Anagrafe è tenuto a comunicare periodicamente le variazioni anagrafiche, alla locale anagrafe sanitaria (AUSL), ad HERA, all'Agenzia delle Entrate, MCTC e INPS e agli altri servizi comunali.

 

Se la richiesta di iscrizione viene respinta, il cittadino riceve tutte le informazioni utili per l'inoltro di una nuova domanda o per l'eventuale ricorso al Prefetto o all'Autorità Giudiziaria competente.

NOTA BENE: Il dichiarante decadrà dai benefici nel contempo conseguiti e dovrà rispondere penalmente di false dichiarazioni.

COMUNICAZIONE DI CESSIONE DI FABBRICATO

Nei casi previsti dall'art.12 del  Decreto Legge n.59/78 convertito in Legge n. 191/78, è obbligatoria la comunicazione di cessione di fabbricato agli organi di Pubblica Sicurezza.

Si consiglia di consultare la Polizia Municipale per ulteriori informazioni.

 

A seguito della variazione di indirizzo l'Ufficio Elettorale invierà il tagliando con l'aggiornamento da apporre sulla tessera elettorale.

 

 

Per quanto riguarda il recapito della posta al nuovo indirizzo contattare POSTE ITALIANE S.P.A. UFFICIO POSTALE RECAPITO CSD CERVIA - Via Viverone, 12 Cervia - Tel 0544 971000.

Responsabile del procedimento

Il Dirigente di Settore o il Responsabile del Servizio o altro dipendente all'uopo delegato

Modulistica per la richiesta

Ufficio: Ufficio Anagrafe
Dirigente: Daniela Poggiali
Settore: Cultura, Servizi e beni comuni
Servizio: Demografici
Dove rivolgersi: Via A. Ressi, 6 - Piano terra
Tel. 0544.97.92.47 - 0544.97.92.10
Orari di apertura al pubblico:

il lunedì, martedì, giovedì e venerdì ore 8:30 – 13:00
il giovedì pomeriggio ore 15:00 - 17:00  (rilascio carte d'identità, certificati anagrafici ed elettorali, autenticazioni di sottoscrizioni e di copie, legalizzazioni di foto)
Mercoledì e sabato CHIUSO

Titolare del potere sostitutivo in caso di inerzia: Dott. Alfonso Pisacane, Segretario generale

Le richieste di intervento sostitutivo dovranno essere inoltrate, mediante istanza scritta, circostanziata, completa delle indicazioni utili ad individuare il procedimento per il quale si chiede l'intervento sostitutivo:

A) da parte dei privati che hanno l’obbligo giuridico di dotarsi di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a: comune.cervia@legalmail.it

B) da parte dei privati che non hanno l’obbligo giuridico di dotarsi di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) tramite:

  • posta ordinaria indirizzata a Comune di Cervia Piazza Garibaldi n. 1 - 48015 Cervia
  • fax 0544/72.340

Aggiornato al 23/08/2018

Utilizzando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Leggi tutto...